ITALIANO | ENGLISH
 
          NEWS* | BELLADANZA | VIDEO* | CAMPAGNA | AUTOCOMBUSTIONE | DISCARICA | CONTATTO | NOTE LEGALI
          DISCARICA>>> ELENCO ATTI UFFICIALI | PIANO SPI / ENEA | PIANO | MINACCIA

  MINACCIA>>>

  >CROLLO
  >AVVELENAMENTO
  >MORIA DI PESCI
  >AUMENTO DELLE TASSE
  >IMPORTAZIONE SELVAGGIA
  >IMPORTAZIONE SEGRETA
  >DANNI TURISMO
  >IMPLOSIONE DISCARICA
  >MALATTIE
 


L’implosione della discarica

A causa del vertiginoso aumento dell’immondizia scaricata a Belladanza, gli impiegati non sono più in grado di caricare i rifiuti secondo i piani stabiliti nel progetto del 1988. Per giunta il bacino di carico è stato cambiato a causa delle costruzioni più o meno abusive erette sul greto del Fiume Gracciata. Il risultato:

a) La raccolta del biogas è inferiore alle spettattive, perché i camini, mal posizionati ed instabili, non tirano come dovrebbero;

b) Un intero settore della Discarica non può essere riempito, altrimenti le strutture costruite sul greto verrebbero travolte;

c) La bonifica delle zone completate non avviene, tant’è che persino il terreno della vecchia discarica, chiusa nel 1989, è tutt’altro che bonificato, nonostante il fatto che gli impiegati della Sogepu vi lavorino a loro rischio e pericolo;

d) La raccolta sicura del percolato non può più essere garantita. Le foto mostrano i residui fluidi abbandonati e scoperti tra copertoni usati e rifiuti “speciali” non identificabili, il tutto collocato al lato estremo destro della Discarica;

e) Le macchine a disposizione della Sogepu non sono più in grado di compattare la qualità e la quantità di rifiuti che entrano a Belladanza.
Tutto ciò potrebbe ben presto portare ad una sorta di “implosione” di Belladanza – ovvero al raggiungimento del punto in cui la struttura attuale non sia più in grado di lavorare nella Discarica ed il completamento (e successiva bonifica) vengano resi impossibili. Quali pericoli e conseguenze questa implosione possa avere non è dato nemmeno immaginarlo…